venerdì 8 dicembre 2017

SEGNALAZIONE: Saga Infedeltà di Diana Scott


Buonasera! Diana Scott arriva in Italia da self, grazie alla traduzione di Jessica Catani, con una serie al femminile. La Saga Infedeltà è composta da 6 contemporary romance con una forte dose di eros, azione e avventura. Al momento sono stati pubblicati i primi 4 volumi, ma per l'inizio del 2018 li avremo tutti. Si tratta di libri autoconclusivi, solo i primi due sono dedicati alla stessa coppia, con i protagonisti, però, collegati tra loro. Che dite, iniziamo a scoprire i primi?

Dopo di te (#1)

Susy vive una vita normale ed ha un matrimonio che tutti definirebbero normale, tuttavia, a volte, le cose non sono come sembrano. La noia e l'indifferenza possono entrare nel cuore di una donna fino a farle credere che l'amore è un sogno passato. Nicolas Bellpuig, bel milionario catalano, troppo attraente per essere ignorato, è tutto ciò che una donna possa desiderare. Tutte tranne Susy. Lui può averle tutte, ma vuole solo lei. La desidera e non si farà scrupoli per riuscire a conquistarla.
Susy saprà lasciarsi alle spalle i suoi principi per vivere un'unica e disperata storia d’amore?







Susana Abellán aveva davanti a sé una giornata felice, il giorno del suo compleanno.
— Il tempo può passare così veloce?
— 40 anni! Per favore! — . Sorrideva rattristata mentre premeva il bottone di avvio della lavastoviglie.
Fernando, suo figlio di 13 anni, stava guardando un film a casa del suo migliore amico Juan. Oscar, il suo eterno marito, era occupato come sempre nel suo ufficio. Il lavoro, i compromessi e la mancanza di clienti erano le scuse più usate per tornare tardi a casa.
“Tesoro non aspettarmi per cena, riceviamo dei cinesi dalla Cina”.
Susy ammucchiava la pila di panni sporchi e faceva forti sospiri.
“Certamente! Da quale altro luogo possono venire i cinesi?”.
Era disgustata e malinconica allo stesso tempo, ma non poteva rimproverargli nulla. Oscar non era con lei per motivi di lavoro ed era una ragione più che comprensibile. Nel futuro ci sarebbero stati altri compleanni ed altre opportunità da festeggiare.
Susy si fermò nel mezzo della cucina pensando incuriosita.
“Quanti compleanni abbiamo festeggiato insieme? Quanti anni esattamente? Diciotto…? No, molti di più! Stiamo insieme da tutta la vita, come dice la mia vicina”.
Susy non aveva ricordi prima di Oscar. La sua adolescenza, la sua giovinezza e la sua attuale maturità, tutti i ricordi erano con lui e per lui. Molti sacrifici e qualche lacrima che venne sparsa lungo il cammino, ma su questo si basa la convivenza. Dare senza aspettare nulla in cambio. Comprendere e appoggiare.
“La convivenza è cedere, perdonare e continuare. Un altro dei grandi consigli della saggia vicina”. Susy sorrise senza entusiasmo.
Il suo matrimonio aveva luci ed ombre, ma quale matrimonio non li ha?Oggi sei in vetta, domani cadi nel pozzo più profondo, per poi tornare a risorgere come la fenice.

È grazie a te (#2)

La storia d'amore, la suspence e l'azione continuano.
Più di 30000 lettori hanno letto questa saga.
Nicolas Bellpuig, bello da morire e milionario europeo, ha tutto ciò che desidera. Le donne non riescono a resistere al suo corpo atletico e al suo sorriso, tuttavia, lui ne vuole solo una, Susy. La donna che lo ha affascinato con i suoi occhietti tristi e privi di speranza, ma che lo avevano fatto vibrare come mai nessuna aveva fatto prima.
Susy non si aspetta molto dalla vita. La sfortuna l'aveva colpita molti anni prima e adesso non poteva far altro che continuare a sognare ciò che non avrà mai. Entrambi scopriranno che l'amore è capace di far attraversare i mari e rimanere vivo, facendo restare immutata l'intensità con cui battevano i loro cuori.
Lei lo ama ma deve fuggire a Buenos Aires per salvarlo e lì sarà coinvolta in un affare di traffico di donne che le faranno conoscere la paura e la disperazione sulla propria pelle.
Lui la ama troppo per lasciarla andare.
Nico riuscirà a salvarla da un destino così pericoloso? La storia d'amore avrà un finale felice o sarà una delle tante disgrazie che Susy dovrà affrontare?
Noi donne sappiamo rischiare e puntare tutto su una carta o la paura, il senso di colpa e la società avranno l'ultima parola?
Le storie contenute in questa serie di romanzi romantici sono perle di romanticismo, passione e amore, che puoi leggere e scoprire in modo indipendente.

— Questa pioggia finirà mai?
— Ma se a Madrid non piove mai!
— Beh cara, sembra che San Pietro abbia molto di cui piangere…
— Per favore Yoli, non parliamo di lacrime e vedi di trovare un posto in cui parcheggiare o ci ritroveremo inzuppate fino al midollo — disse Mia, la migliore amica di Susy.
— Sappiamo in che stanza si trova? — Mia glielo aveva ripetuto una cinquantina di volte da quando erano uscite di casa ma Susy continuava a ripetere la stessa domanda. La sua amica aveva in mano la situazione. Nico si trovava in terapia intensiva, sezione traumatologia e la prognosi, come sempre, era riservata.
— Stanza quattro. Si può entrare solo per cinque minuti e non più di una persona —. Mia rispose di nuovo— Albert ci sta aspettando.
Il silenzio dell’ascensore faceva paura. Né lo spirito né la scaltrezza di Yoli, riuscirono ad alleggerire e a portare un po’ di luce tra tanta oscurità. La nebbia del timore e della desolazione, ogni volta più forti, si impossessavano dei loro sentimenti come la paura più codarda.
— È su questo corridoio, davanti agli ascensori. Sono stata qui quando è morta la nonnina di Manolo.
— Yoli! — rispose una Mia alterata — per favore, non è il momento di ricordare la morte.
— Mi dispiace, non me ne sono resa conto. Susy, scusa — rispose molto dispiaciuta.— Non fa niente Yoli — Susy la scusò, mentre la prendeva per mano per poter camminare con un po’ di sicurezza. Le gambe le tremavano.

Custode del tuo cuore (#3)

Alcuni potrebbero dire che Azzurra è una donna delle tante, ma chi può sapere cosa si nasconde nel profondo del suo essere?
Laureata in informatica, solitamente si nasconde dietro a degli occhiali e a delle magliette di due taglie più grandi, ma non le interessa.
Azzurra ha chiaro che essere donna va al di là del corpo.
Chi direbbe che dietro quella facciata da bambina timida e introversa si nasconde Wonder Woman, un’hacker informatica. Come membro attivo del Deep Web, lotta affinché la sporcizia che si nasconde nei bassi fondi di Internet venga a galla.
Matias è membro della squadra SWAT. Così grande e incredibilmente forte, è l’unico adatto alla missione di proteggere la topolina di biblioteca a costo della sua stessa vita. Questo non sarebbe affatto difficile per uno con la sua esperienza nel combattimento se non fosse che dietro a quell’innocente giovane si nasconda un’autentica belva che metterà sottosopra il suo mondo.
Azzurra è intelligente, ha grandi valori etici ed è così attraente che riuscirebbe a conquistare qualsiasi uomo a cui concedesse la possibilità di conoscerla.
La ragazza dell’ultimo banco riuscirà a conquistare un uomo che sprizza sensualità da tutti i pori?

— Entra bellezza. Siediti. Cosa posso offrirti? Una bibita, una birra, dell’acqua…? «Spero che non voglia bere altro alcol. Questa donna è una spugna». Pensò un Matias totalmente disposto a continuare la baldoria nella piccola casa situata nel centro di Ibiza. Era chiaro che non fossero le vacanze più tranquille del mondo, ma era quello di cui aveva bisogno. Dopo aver lavorato per due anni di seguito, e vedendosi obbligato ad accontentarsi delle piccole briciole dei fine settimana o dei ponti di tre giorni, Ibiza era un’oasi di distrazione, assolutamente necessaria per un uomo con tanta potenza come lui. Matias si lamentava molto spesso della mancanza di vita privata, ma sinceramente il suo lavoro gli piaceva tanto che, fino a quel momento, era la sua unica passione. Insieme alle donne, ovviamente. Come capitano delle forze speciali, il suo lavoro consisteva principalmente nel salvare le vite mettendo a rischio la sua e poteva dire che quell’adrenalina era ciò che dava senso alla sua vita, giorno dopo giorno. Aveva perso le vacanze precedenti perché era dovuto partire per l’Argentina, per salvare i suoi amici Nico e Susana da una morte sicura. Loro facevano parte del suo “circolo di fiducia” e si sentiva felice di averli. Sorrise al ricordo di quei due stupidi innamorati, ma non poté evitare di provare un pizzico di invidia. Si fingeva seduttore e indifferente ai sentimenti, ma sentiva la necessità di consegnare il suo cuore ad una vera donna. Una che gli desse di più di un corpo assetato di essenza virile. Andare di letto in letto gli dava solo semplici piaceri momentanei…

Gioco di Passioni (#4)

Cosa succede quando l’amore bussa alla tua porta senza essere stato invitato?
Lucas la ama ma è stufo di essere solo il suo amante.
Carmen non è disposta a consegnare il suo cuore a chi non se lo merita.
Lui sa perfettamente di non essere un santo ma anche i mascalzoni meritano un’opportunità in amore, no?
Carmen, una giovane dei nostri tempi: decisa, con carattere e istinto femminile da vendere, sa riconoscere i furbetti e i loro efficaci giochetti di conquista. I mascalzoni non si innamorano mai, lei lo sa perfettamente. La cosa migliore è approfittarne per un breve arco di tempo, per poi fuggire velocemente e chi si è visto si è visto.
Lucas sa perfettamente che i suoi giorni da conquistatore sono finiti, ma dovrà arrivare fino in Brasile e lottare con un dio d’ebano chiamato Paulo, che oltre ad essere bello è simpatico da morire.
Lui è un membro della SWAT, divertente, intelligente e attraente da morire, quale donna non vorrebbe essere qualcosa di più della sua semplice amante e diventare la ragione dei suoi giorni?
Romanticismo, azione, suspence e un viaggio in Brasile renderanno questa storia un gioco di passioni in cui nulla è come sembra.
Cosa fare quando il cuore ti suggerisce ciò che la ragione non vuole e la passione domina?


Lucas era ancora sdraiato a letto.
Questo non poteva essere reale. Non di nuovo.
Dopo novanta insopportabili giorni, si trovava di nuovo nelle sabbie mobili. Senza conoscere né il terreno, né le condizioni del campo di battaglia.
Carmen non si trovava in una posizione migliore. Avendo rotto con Lucas quasi tre mesi prima e prendendo una decisione per nulla facile, aveva pensato che fosse tutto sotto controllo. Fino a quella notte.
Lo aveva incontrato in quel bar e aveva commesso lo stesso errore. Sapeva di non poter titubare di nuovo oppure tutte le fondamenta della sua vita controllata sarebbero state in pericolo, ma si trovava di nuovo lì, provando a non far rumore per non doverlo salutare mentre, in totale oscurità, scappava via come una ladra.
Una ladra che aveva dovuto lasciare da parte l’aspetto fisico, una che aveva davanti l’uomo capace di dividerla tra ragione e sentimento, rendendola vulnerabile, senza scudi difensivi e con l’indecifrabile instabilità che è solita colpire le donne innamorate.
In quale momento aveva permesso che la sua relazione con Lucas andasse oltre il sesso? I suoi sentimenti per lui erano cresciuti in modo incontrollato e non aveva avuto altra opzione che tagliare di netto.
Ed era di nuovo qui.
Cinque minuti in un bar, si erano trasformati in una notte di passione ineguagliabile, come tutte quelle che si producevano quando stavano insieme.
Si supponeva che lei lo avesse lasciato mesi prima ma erano bastati cinque minuti davanti a lui affinché il suo mondo perfetto e ordinato crollasse come un castello di carte.
Doveva proteggersi. Le sue esperienze passate le avevano insegnato che gli uomini pretendevano solo una cosa, metterti nel loro letto finché non sono stanchi di farlo e poi andare da un’altra, senza guardare chi si lasciano alle spalle.
Lucas si alzò e si infilò dei boxer. Lentamente si incamminò verso la cucina, non prima di essersi girato per guardare quella bellissima donna, coperta dalle lenzuola, che faceva finta di dormire. Se questa situazione fosse successa con un’altra, lui stesso si sarebbe messo a ridere per pessima interpretazione artistica della giovane, ma lei non era una qualunque. Era lei, Carmen. La sua Carmen, il suo piccolo demonio testardo dai capelli dorati. La donna impossibile da dimenticare. Quella che lo faceva pensare a lei giorno e notte, come una febbre impossibile da curare.
Carmen era casa sua, di nuovo nel suo letto, ma per quanto tempo?
Decise di non pensare. Tornò a letto, la abbracciò e lasciò che il freddo destino decidesse il suo futuro.

Nessun commento:

Posta un commento