martedì 19 marzo 2019

RECENSIONE: Another Love - Storia di Oliver di Erich Segal


Buongiorno!
L'anno scorso la Sperling & Kupfer riportava in auge un romanzo che già aveva fatto emozionare le lettrici degli anni '70, Love Story di Erich Segal. Io, che in quegli anni non ero ancora neanche in programma, ho avuto il piacere di conoscere la romantica e triste storia di Oliver e Jennifer proprio grazie a questa ripubblicazione, scoprendo quanto possa comunque essere attuale e moderna anche 50 anni dopo. Oggi, però, sono qui a parlarvi del dopo, della storia di un Oliver ormai adulto, alle prese con la sofferenza e alla ricerca del coraggio per andare avanti, nonostante tutto. Ringrazio la casa editrice per la copia cartacea di Another Love - Storia di Oliver e vi suggerisco di recuperare prima la lettura di Love Story (cliccate sul titolo per la mia recensione), anche se le possiamo considerare due diverse storie, essendo questo il diretto proseguimento.

Si dice che nella vita di ognuno ci sia un unico grande amore. Per Oliver Barrett, quell'amore si chiamava Jennifer. Il tempo trascorso insieme è stato troppo breve, prima che il destino gliela portasse via, ma così intenso e speciale da valere una vita intera. Oliver ha poco più di vent'anni, tutti gli dicono che deve andare avanti e ricominciare a vivere, ma lui è convinto che non sia possibile, che non sia giusto. Non gli importa di uscire, vedere gli amici o fare nuove conoscenze. Il suo rifugio sono il lavoro e la corsa, per immergersi a capofitto nel presente e attutire l'eco del passato. Fino a quando incontra una ragazza così affascinante e misteriosa da attirarlo fuori da quel vortice di buio in cui è piombato. Con lei sembra rinascere qualcosa che sembrava essersi incrinato per sempre. E il futuro assume contorni inattesi. Perché solo l'amore può guarire le ferite di un cuore spezzato. 

Già dal primo libro era chiaro che Segal avesse uno stile molto particolare, e ce lo dimostra anche in questo secondo volume. Visto ancora dal POV maschile, Another Love ci racconta dell'Oliver dopo Jennifer. Un Oliver distrutto, un uomo che è ormai l'ombra di se stesso. Jenny è stata il suo grande amore ed è assurdo anche solo pensare di poterla sostituire, ma Oliver ha ancora al suo fianco persone che tengono a lui e che vorrebbero vederlo reagire, andare avanti senza buttare via la sua vita.

martedì 12 marzo 2019

FHH Challenge #TeamVicious - 5 motivi per amare il "bad" Vicious


Buongiorno!
Come sicuramente avrete notato, da una settimana un bel gruppo di blog è impegnato in una nuova Challenge che, questa volta, vede sfidarsi 4 amici. I 4 team sono infatti legati ai 4 protagonisti della The Saints' Series, la serie di L.J. Shen portata in Italia dalla Always Publishing. Per ora abbiamo avuto modo di leggere solo il primo volume, Vicious - Senza pietà (che comunque è il migliore 😀💓), ma il primo protagonista non è l'unico che si è fatto conoscere e amare. I 4 HotHoles ci hanno già conquistate tutte sotto molti punti di vista e Vicious, Jaime, Dean e Trent hanno già tutti la loro bella schiera di fan. Io sono #TeamVicious, se non ve ne foste accorti, e lo sono stata davvero dalla prima all'ultima pagina, perché Vicious è uno dei personaggi più complessi di cui abbia mai letto e quelle famose "mille sfaccettature" lui le ha davvero quasi tutte. Lo si inquadra subito come un uomo arrogante, vendicativo, possessivo all'ennesima potenza, ma piano piano si capisce quanto ci sia anche del buono in lui. Per questo noi del #TeamVicious abbiamo deciso di dividere in due la seconda tappa della challenge, che ci chiedeva i 5 motivi per amare il nostro HH, nei motivi per amare il Vicious "cattivo" e quello "buono". Io vi parlerò del bad boy, mentre nel blog Leggendo Romance scoprirete quanto il nostro Baron sia in realtà un tenerone! 

Prima, però, il nostro uomo in persona vuole ricordarvi una cosa...


Se vi siete distratte, tranquille, ve lo ripeto io: alle 13 partirà la seconda sfida e noi del #TeamVicious vi chiediamo di sostenere questo personaggio che, ne siamo sicure, ha conquistato davvero tutte voi, lasciando come reaction un CUORE ❤ al post di Facebook che verrà aperto nella pagina L.J. Shen - The Saints' Series. Avrete 24 ore di tempo per dare il vostro cuore a Vicious e a noi del team, quindi sosteneteci! Nel caso servisse, comunque, io vi do subito 5 ulteriori motivi per farlo!

lunedì 11 marzo 2019

REVIEW PARTY: Vicious. Senza pietà (The Saints' Series #1) di L.J. Shen


Buongiorno!
Vi sto parlando, e vi parlerò ancora, di Vicious. Senza pietà in tutte le salse, ma finalmente è arrivato il mio turno del Review Party e posso raccontarvi cosa ne penso del primo volume (autoconclusivo) della The Saints' Series di L.J. Shen, che la Always Publishing porterà interamente in Italia. Sicuramente avrete notato che è in corso una challenge tra i quattro protagonisti maschili della serie e che il mio blog appartiene al Team Vicious, ma, al di là dello spirito di squadra, non posso che sottolineare che Vicious sia davvero uno dei personaggi più complessi, particolari e interessanti del panorama romance. E che il suo sia, nel bene e nel male, un romanzo che non può lasciare indifferenti. Ma andiamo a scoprire perché.


C’è solo un confine sottilissimo a separare l’odio e l’amore. 
C’è solo un confine sottilissimo a separare Vicious ed Emilia.
Quando i suoi genitori accettano di lavorare al servizio degli Spencer, Emilia LeBlanc si ritrova a vivere sotto lo stesso tetto con l'erede della famiglia, Baron “Vicious" Spencer. Vicious è sfrontato, spietato e pieno di rabbia. 
Ma l’arrivo di Emilia turberà il suo equilibrio al punto che, da quel momento, Vicious avrà un unico obiettivo: rendere la vita della figlia della domestica un vero inferno sulla terra. 
Emilia farà di tutto pur di evitare di incrociare la strada di Vicious. 
Vicious farà di tutto per farle rimpiangere di aver messo piede a Todos Santos. 
Dieci anni dopo, Baron Spencer è un avvocato brillante, uno scaltro negoziatore, un bellissimo bugiardo. 
E ha un piano per vendicarsi di chi lo ha ferito in passato. 
Quando, nella fredda New York, il suo cammino torna a incrociarsi con quello di Emilia che versa in gravi difficoltà, Vicious le offre un lavoro e lei si ritroverà di nuovo intrappolata nella sua ragnatela spietata. 
Emilia non può immaginare che il ritorno prepotente dell'uomo che è stato il suo tormento, e insieme il protagonista dei suoi sogni, farà crollare tutte le certezze della sua vita come tessere del domino. 
Stavolta Vicious non si fermerà, non fino a che lei non sarà sua.

Emilia e Vicious si conoscono da ragazzi, quando la famiglia di lei si trasferisce dalla ricca famiglia di lui per lavorare per loro. Baron, convinto che lei abbia origliato qualcosa che voleva mantenere segreto, non le riserverà certo una buona accoglienza, ma i motivi che lo spingeranno a farle lasciare la casa, la famiglia e lo Stato sono ben più complicati. Ora sono adulti, sono andati avanti con le loro vite, ma non si sono mai dimenticati, tanto che, appena si ritrovano, Vicious non vorrà più lasciarla andare ed Emilia cascherà ancora nella sua rete. Ma è possibile una storia tra loro due? Lei può fidarsi di chi l'ha allontanata dai suoi cari costringendola a cavarsela da sola quando era soltanto una ragazzina? E il desiderio di vendetta che ha mosso tutta la sua vita ha reso Vicious un uomo incapace di fare del bene e amare?

lunedì 25 febbraio 2019

RECENSIONE: Never #1 - Non amarmi di Laura Kneidl


Buongiorno!
La Sperling & Kupfer sa scovare serie di successo, ormai è una certezza. Never, per esempio, è solo l'ultima scommessa nel romance... e pure vinta, aggiungerei. La duologia new adult nata dalla penna della tedesca Laura Kneidl è arrivata lo scorso 29 gennaio con il primo volume della serie, Non amarmi. Per fortuna non dovremo attendere molto per scoprire cosa ne sarà di Sage e Luca, perché il secondo e ultimo capitolo (Non perdermi) arriverà il 5 marzo. Ma per ora concentriamoci su ciò che possiamo già avere tra le mani e scopriamo insieme come tutto ha avuto inizio. 
[Ringrazio la casa editrice per la copia cartacea]

«Vorrei riuscire a vivere senza paura.»
Quando, pur di scappare dai suoi problemi, Sage si trasferisce in un altro Stato, lontanissima dalla madre, dalla sorella e dalla sua migliore amica Megan, al suo arrivo non ha niente. Niente soldi, niente casa, niente amici. Nient'altro che la ferrea volontà di dimenticare e ricominciare da capo. Ma neanche un college a quasi cinquemila chilometri di distanza da casa può bastare se i ricordi ti accompagnano a ogni passo e la paura è ormai parte di te. Accade così anche il giorno in cui Sage inizia il suo lavoro in biblioteca e incontra Luca. Con i suoi penetranti occhi grigi e i tatuaggi, Luca rappresenta tutto ciò di cui Sage ha paura. Ma Luca non è quello che sembra a prima vista. E non appena Sage riesce a guardare oltre la facciata, il cuore le inizierà a battere pericolosamente più veloce, e dovrà lottare con tutta se stessa per non permettere al suo passato di boicottare il suo futuro. 
Non amarmi è il primo capitolo della serie, scritta dalla giovanissima Laura Kneidl, che ha conquistato i vertici delle classifiche in Germania e venduto oltre centomila copie in pochi mesi. Una grande storia d'amore che ci ricorda come nella vita vera, a volte, la perfezione stia nell'imperfezione.

Spesso il college è un'occasione per "scappare" da casa, per allontanarsi dal passato, per chiudere un capitolo della propria vita e iniziarne un altro, per provare a farcela da soli. Per Sage è tutto questo, ma non è soltanto un semplice desiderio, è una vera necessità, un bisogno fisico e psicologico. Non è contenta di lasciare la madre e la sorella, come sicuramente non è contenta di andare ad abitare ad ore di distanza dalla sua unica migliore amica, ma deve farlo. Solo che per lei ricominciare da capo significa farlo senza nessuno e senza un soldo, potendo contare solo sulle proprie forze, la propria determinazione, sul mezzo che l'ha accompagnata in un altro Stato e che è diventato casa e sulla passione per i gioielli. 

martedì 19 febbraio 2019

REVIEW PARTY: In un solo grammo di cielo di Chiara Iezzi


Buongiorno!
Anche oggi il blog prende parte ad un Review Party, ma questa volta mi allontano un po' da quelle che sono le mie solite letture per parlarvi di un libro che viene definito "un'intensa fiaba dark dei giorni nostri". L'autrice è Chiara Iezzi, che probabilmente ricorderete come una delle due cantanti del duo Paola&Chiara, ma che in realtà è un'artista a tutto tondo. E con In un solo grammo di cielo fa il suo esordio in libreria, proprio oggi, grazie alla casa editrice SEM (che ringrazio per la copia cartacea).

Emily l’ombrosa. Emily la solitaria della 4B.
Emily la silenziosa dai capelli rosso fuoco. Nessuno, tranne lei, sa cosa si prova ad aver perso i genitori in un incidente stradale di cui è stata l’unica sopravvissuta. E nessuno può immaginare come ci si senta ad avere diciassette anni e vivere sotto lo stesso tetto con Milda, la zia acquisita, una macellaia dai modi burberi che la tratta come una novella Cenerentola, e in compagnia di sua figlia Greta, una ragazza che è l’esatto contrario di Emily: popolare a scuola, formosa, spregiudicata.
Tutto sembra destinato a rimanere così com’è, fin quando un giorno Emily – che da tempo mangia ormai troppo poco – perde le forze e viene affidata alle cure di un centro per ragazze con disturbi alimentari. Lì, tra amicizie, inimicizie e nuove esperienze, scopre di avere dentro un’energia pronta a esplodere. Spetterà a lei decidere cosa farne: spingersi ancora di più verso il baratro o affrontare finalmente se stessa?

Chiara Iezzi scrive un romanzo sorprendente, in cui la protagonista ha la potenza dell’eroina di una fiaba, e il male esiste e si presenta con diverse forme. Ma può anche essere combattuto.

C'era una volta Emilia, una bambina felice, che viveva vicino Como insieme ai suoi amorevoli genitori. La sua vita era una splendida favola, fino al giorno in cui, a undici anni, si è trasformata in un terribile incubo. Dopo aver perso entrambi i genitori in un incidente stradale, la piccola è stata affidata alla burbera zia Milda. Quest'ultima si è trasferita da lei insieme alla figlia Greta, della stessa età di Emilia, ma completamente diversa da lei. Da quel momento in poi, la piccola si è chiusa in se stessa, rifiutandosi di parlare, iniziando a mangiare sempre meno e diventando Emily, a dimostrazione del fatto che quella bambina felice non esisteva più.

lunedì 18 febbraio 2019

REVIEW PARTY: Niente senza te di Viviana Leo


Buongiorno!
Questa settimana iniziamo subito alla grande con una giornata ricchissima. Oggi, infatti, vi parlo anche del nuovo romanzo di Viviana Leo, autrice nota soprattutto per le sue pubblicazioni con Newton Compton, che a San Valentino ha fatto il suo ingresso nel catalogo della giovane Darcy Edizioni (che ringrazio per la copia digitale). Niente senza te è un contemporary romance new adult che ci racconta la storia di amore-odio tra Lucas e Mia, due ragazzi che si ritrovano ad essere fratellastri da un giorno all'altro... non sentite anche voi il richiamo? Io non ho saputo resistere!

Mia è una ragazza tranquilla come tante e si sta per laureare in psicologia, quando, per caso, scopre di aver vissuto nella menzogna. Suo padre non è la persona che l'ha cresciuta, ma un altro uomo, che lei non conosce. Parte così per Boston e finalmente incontra Jack, il suo vero padre, che la accoglie a braccia aperte. Jack però ha una nuova famiglia e sua moglie ha a sua volta due figli nati da un precedente matrimonio, Ashley e Lucas, che tenteranno fin dall'inizio di mettere i bastoni tra le ruote a Mia. Soprattutto Lucas, tatuato dalla testa ai piedi, arrabbiato col mondo, sempre scontroso e pungente, le darà del filo da torcere, almeno finché tra i due non scatterà una strana e irresistibile attrazione. Mia scoprirà così che la famiglia di suo padre nasconde molti più segreti di quanti lei avesse sospettato e alla fine sarà costretta a fare i conti con il suo cuore.




Mia è una studentessa di psicologia al college, condivide un appartamento con la sua migliore amica Melissa e, come lei, è una ragazza dedita allo studio e per niente alla vita mondana. La sua è sempre stata una vita tranquilla, normale, senza grossi scossoni, almeno fino a quando, da un giorno all'altro, scopre di avere sempre vissuto nella menzogna: l'uomo che l'ha cresciuta, pur amandola come una figlia, non è il suo vero padre. Ed è così che si ritrova catapultata nella vita del ricco Jack, suo padre biologico, e della sua nuova famiglia. La moglie e i due figliastri non fanno nulla per farla sentire a casa, anzi, ma l'uomo ha tutte le intenzioni di recuperare il tempo perso e riallacciare i rapporti con la figlia. In questa convivenza forzata, però, la vera spina nel fianco per Mia sarà Lucas, soprattutto perché tanto arrogante e odioso quanto attraente.